race for the cure

 banneranimato300x250raceroma

 

English below

…………………………………………………………………………………………………………………………………………….

chi mi conosce bene , ha certamente  notato che da quando, un anno e mezzo fa, ho cominciato a correre, non faccio che dirne meraviglie.

fatico, certo, ero, sono e resto una pippa, ma mi piace.

non mi sono mai fermata, nemmeno con la pioggia, nemmeno con il caldo, nemmeno in vacanza.

ho persino iniziato a correre la mattina presto, che per me corrisponde a un atto contro natura!

e circa un mese fa ho anche fatto i miei primi dieci km competitivi!

:)

insomma, correre mi piace, mi piace il mio gruppo del sabato mattina, mi piace vincere la pigrizia la sera o il sonno la mattina. adoro il momento della doccia dopo la corsa, il tipo di vita più sana che mi costringe a fare senza sforzo.

domenica prossima ci sarà a roma race for the cure. l’anno scorso fu la mia prima prova su strada (ancora senza pettorale) e la feci di corsa.

si, perchè con le amiche abbiamo sempre partecipato. passeggiando, camminando e ridendo fra noi (oltre alla corsa competitiva c’è anche la passeggiata).

l’anno scorso invece io avevo calzoncini e scarpe da running e, pur non avendo il chip della gara competitiva, ho respirato un po’ di atmosfera agonistica.

feci per la prima volta 5km in 32 minuti (tempi lunghissimi, ma per me un successo, ben tre minuti meno del mio standard).

quest’anno invece sono tesserata FIDAL e parteciperò con il pettorale e il chip. e la farò per R. e M. che hanno combatutto e vinto contro il tumore al seno. lo farò un po’ anche per me, per finanziare nel mio piccolo la ricerca, se se MAI dovesse capitarmi una cosa del genere.

e poi quest’anno con me correrà un’amica speciale.

jennifer

jennifer merendino è la moglie di angelo che ho conosciuto a roma lo scorso inverno, quando era qui per presentare un suo lavoro straordinario che documenta quella che lui chiama “the battle we didn’t choose“, la battaglia che non abbiamo scelto. la battaglia contro il tumore al seno.

jennifer, che ha la mia stessa età, pochissimi giorni di meno di me, ha combattuto a lungo e verrebbe da dire che ha perso, perchè oggi non è più con noi, ma io non me la sento di parlare di sconfitta. dopotutto le armi non erano pari e la natura è sempre più forte dell’uomo quando vuole.

jennifer e angelo hanno combattuto. contro la  malattia, ovviamente, ma anche contro tutti quei problemi e disagi piccoli e grandi che una malattia grave porta con se. problemi pratici, difficoltà nella vita di tutti i giorni, tutte quelle battaglie che distraggono dalla guerra principale e da ogni momento, intenso, che deve vivere chi è malato e chi affronta la vita con lui.

angelo è un ragazzo straordinario. ha una grande sensibilità e una grandissima energia.

e ha una cosa meravigliosa, che è l’Amore per jennifer. ma del resto, come lui stesso racconta, lo ha capito subito di averla trovata. “i found her!” si è detto. e quando trovi l’amore, è vero, hai trovato tutto. indipendentemente da come vada a finire.

ha raccontato con fotografie intense e toccanti la malattia di jennifer, il suo lungo e durissimo percorso. tutto in salita.

ha raccontato ogni momento, l’evoluzione della malattia, e anche dello stato d’animo di jennifer.

la definizione più bella della storia di angelo e jennifer è il titolo di “metro” NY: ” a New York love story”. una storia d’amore di new york.

così domenica mattina ho pensato di portare anche jennifer a correre con me per la race for the cure.

cara jennifer, scusa il preavviso così breve, hai pochi giorni per prepararti, ma non preoccuparti…io vado lenta, molto lenta, non avrai problemi a correre insieme a me.

il percorso è bellissimo, nel centro di roma, intorno al colosseo. l’hai mai visto? no? dai, è una buona occasione.

se poi ti venisse voglia di correre un po’ , se ti va, ti presto le mie gambe

ti aspetto allora. domenica mattina al circo massimo alle dieci.

e aspetto tutti e tutte voi.

………………………………………………………………………………………………………………………………

per i romani l’appuntamento è domenica prossima, 19 maggio, al circo massimo.

il 26 maggio la race sarà a bari e il 29 settembre a bologna.

c’è la corsa competitiva, ma c’è anche la passeggiata alla quale potete partecipare con cani, bambini, amiche e amici. è un’occasione bellissima per stare al’aperto, passeggiare per roma, trascorrere una bella mattina. insomma, non serve essere atleti per venire (altrimenti io non avrei senso lì! 😀 )

tutte le informazioni le trovate qui

 

ENGLISH

All my friends have certainly noticed that, since I have started running, one and an half year ago, I am enthusiastic about it

Ok, ok, I am still a very poor runner, but I like it

Since the beginning I haven’t quit running, not even with rain, hot summer, not even on holiday.

I have tried running early in the morning, something so unnatural for me

And last month I have run  my first competitive 10km race.

:)

So, I like running, I like my Saturday morning running team, I like not being lazy after work, early in the morning. I love the shower after running, my easy healthy life style since I run

Next Sunday, on may 19th, in rome we will run the race for the cure. Last year it was my first (not competitive) race. running.

Yes, runnig from the beginning to the finish line, because with my friends we take part to it every year, walking, laughing, chatting. In fact you can take part in both competitive and not competitive race.

Last year I put on my running shoes to breath some race atmosphere…

and I run, all 5km long!!!!

5km in 32 minutes, my personal record, since I usually run 5km in 35 minutes (ok ok, I have told you I am such a poor runner :) )

But this year I am part of a team and I will run with the chip and recorded time. I will do it for my friends M. and R, who fought and won breast cancer. And I will do it for me too, to raise funds for the research, in case (hope not!!!!) it should happen to me one day.

But this year, a very special friend will run with me

jennifer

jennifer merendino is the wife of angelo, who I met in Rome last winter, when he was here to present his extraordinary photo work that documents what he calls “the battle we didn’t choose“, the battle against breast cancer.

jennifer, which has my same age, just a few days younger than me, has fought long and you would say that she lost at the end, since today she is no longer with us, but I do not feel like talking about defeat.

after all, the weapons were not equal and Nature is always stronger than (wo)man when she wants to.

jennifer and angelo fought bavely. against cancer, of course, but also against all those trivial problems and discomforts both large and small that a serious disease brings along. practical problems, difficulties in every day life, all those battles that distract from the main war and from every single moment, every tough moment, that you and your loved ones have to face during a serious illness.

 Angelo is an amazing guy. has a great sensitivity and a great energy. please, check his web site to find out.

he has a wonderful thing, which is Love for jennifer. After all, as he himself says, he knew right away he found her.

“I found her!” he said as he met jennifer. and when you find love, it’s true, you’ve found anything you need. regardless of how it ends.

so he has told with intense, poignant and loving photographs jennifer’s disease, her long and hard path. showing in any shot her strenght and his love for her.

He revealed any moment of the evolution of the disease, and also jennifer’s state of mind

One of the most beautiful definition of the history of angelo and jennifer is the title of  Metro NY: ” a New York love story.”

 

So I decided to ask Jennifer to come with me next Sunday for the race for the cure.

dear jennifer, excuse such short notice, you have a few days to prepare, but do not worry … I’m going slowly, very slowly, you will not have problems to run with me.

the path is beautiful, in the center of Rome, around the coliseum. have you ever seen? no? so, come on, it’s a good opportunity.

then if you should wish to run a bit ,  I’ll lend you my legs

I’ll meet you there, on Sunday morning at ten o’clock at the Circus Maximus.

And I hope to meet so many of you!

………………………………………………………………………………………………………………………………

all infos are here