la “mia” NY fashion week

 

in una noiosa serata, mi sono messa a sfogliare un po’ di fotografie dell’ultima fashion week di new york. e allora ecco che faccio finta di essere una fashion blogger seria (AHAHAHAHHAHAHAH) e ci faccio sù un bel post!

premesso che sarei curiossima di vederne una, la mia impressione è sempre stata che molta gente vada alle FW come se andasse a una festa di carnevale,  facendo a gara per chi si veste in modo più ridicolo.

c’è da dire che è una fashion week, mica ci si può andare in tailleur gessato e decoltè, ovvio,  e c’è anche da dire che, essendo un evento di moda, ci si aspetta di vedere qualcosa di nuovo, di diverso e di creativo, altrimenti si va negli uffici. e proprio negli street outfit delle fashion week si cominciano a intravedere le tendenze portabili, si prendono idee e spunti.

insomma, anche se si fa una vita come la mia, tra casa e ufficio e poco di più, si possono prendere tante belle idee sia per utilizzare i capi che già si hanno in modo diverso (la mia cosa preferita, è come avere un vestito nuovo gratis!), sia ovviamente per migliroare un po’, per cambiare, il proprio stile.

ho fatto così una carrellata degli street look che mi sono piaciuti di più della NY fashion week proposti ha harper bazaar

per prima cosa, come potete vedere, mi hanno colpito dei look semplici semplici e portabilissimi tutti i giorni

questa giacca con la cintura in vita l’ho vista addosso a diverse persone. se qualcuno mi scoprisse di chi è….

 

mi piace davvero la tonalità di questo cappottino color ghiaccio, portato su maglione girocollo e pantaloni semplicissimi

fra le cose che mi mancano: un paio di pantaloni di questo colore

superchic: maglioncino bon ton su camcia bianca maschile, pantaloni a sigaretta e tacchi. da copiare, subito!

 

per il tempo libero, per il weekend, per le passeggiate in centro e le uscite informali:

anche questo un classicissimo da copiare subito: total black e field jacket. cambierei solo le scarpe, perchè queste mi fanno davvero orrore

anche questo da copiare subito con capi già presenti nel mio armadio: una cabane pesante blu navy, jeans scuri a palazzo e dolcevita nero. la pochette è deliziosa e rende l’insieme molto femminile

ecco, se avessi coraggio potrei copiare anche questo, ma per gli short in ambiente non balneare ho davvero troppi anni. tuttavia mi piace molto il contrasto fra la parte di sopra molto classica e quella di sotto, decisamente rock. per me forse (FORSE) con una minigonna

questo invece lo potrei riprodurre, anche se il mio cappottino verde non è fluo bensì verde mela, decisamente più adatto al mio stile. però è carino: semplice ma particolare

un colour block molto adatto all’autunno/inverno: cappotto color zucca, dolcevita melanzana e pantaloni color fango. non ho nessuna di queste cose, ma ho tre desideri in più 😉

e ora passiamo a uno dei miei temi preferiti: il bianco d’inverno. perchè io penso che il bianco scaldi, dia l’idea della coccola, dell’abbraccio.

ecco il primo outfit, molto ladylike, bon ton e terribilmente anni ’50. davvero…très chic

di questo mi piace moltissimo il bianco con questo color cammello, anche se i pantaloni non mi fanno impazzire

il premio per la più elegante lo darei a lei: meraviglioso il completo bianco candido con questo maxi cappotto morbidissimo color cammello. io forse non avrei messo la borsa nera, ma la trovo la ragazza assolutamente perfetta. certo, il fatto che sia nera gioca a suo favore, perchè lo stesso outfit su di me, invece che luce e calore, darebbe temo l’impressione di freddezza e serietà .

per farvi capire quanto sono classica nell’anima, ecco due soluzioni un po’ più estrose:

del cappello da gendarme faccio volentieri a meno, e probabilmente anche del ponpon, ma questo cappottino a righe è molto carino

a parte le spalle troppo “importanti” (ma forse vanno bene così), non trovate bellissimo questo cappotto barocco? adoro poi come la ragazza lo porti su una gonna lunga e morbida, mentre io ho sempre problemi esistenziali con le lunghezze dei capispalla inferiori a quelle degli abiti. dovrei ricredermi….trovo invece stonata la borsa scura, ma capisco che a volte serva anche un po’ di praticità

fuori concorso:

guardate chi si vede? i pajama pants di zara, versione invernale con calze nere e plateau argentati….perplessa sulla parte superiore, ma devo dire che questi pantaloni si fanno davvero guardare ancora

e infine LEI, il mio nuovo delirio borsifero, la luggage bag di céline.con questa foto rendo ufficiale di volerla proprio di questo colore e non nera. e per lei ho già pronto un piano d’azione, ho già deciso quando me la comprerò, perchè LEI sarà un premio.

ragazze, quando me la vedrete fra le mani, sappiate che avrò corso 10km entro un ‘ora di tempo (6’/km) e che quindi me la sarò ampiamente meritata, anzi, letteralmente sudata. da ora in poi immaginatemi che mi alleno correndo dietro a una luggage di céline. io da un po’ di tempo mi visualizzo così

😉

NOTA: tutte le foto sono prese dal sito di Harpers Bazaar

Photo credit: Diego Zuko