La rubRiga

Partiamo oggi con la rubRiga (avete letto bene), un cross blogging con le amiche di in the mood for love, trashic, la stanza degli armadi, des petis pois gris e the slow catwalk su in tema che ha sollevato qualche giorno fa l’amica bailing: la marinière, la maglia a righe.
Ci siamo subito appassionate all’argomento e l’idea è nata da sola: facciamone una rubrica settimanale!
Qualche scambio di email e, una settantina di mail dopo, eravamo pronte con la nostra rubRiga.
La partenza ufficiale è fissata per martedì prossimo, ma oggi presentiamo ufficialmente il progetto.
A dire il vero marinière ne avete già viste tante su tutti i nostri blog. La marinière è uno di quei capi basici, talmente stupidi, che tutte dovremmo avere, perché bastano proprio quelle righe, declinate in tanti modi diversi, per dare all outfit anche più semplice un qualche cosa in più.
Io stessa l’ho usato tali e tante volte in tutte le occasioni, come potete ben vedere ad esempio qui e qui
Declinata sotto a una giaccanella variante al quadrato (marinière+giacca a righe), nella sua versione più seria da ufficio, ma sempre con quell’aria leggera e scanzonata, di una donna che non rinuncia al colore e a un tocco personale anche nelle situazioni più formali, arrivando poi a diventare un vestito estivo leggero,  svolazzante nero o beige o anche serio e più lineare.
già, perchè il concetto di mariniére non si ferma alla maglia.
non si tratta soltanto di mettersi addosso qualcosa con le righe, è qualcosa di più; è un approccio filosofico al tema, se mi permettete
È dare a un outfit quel gusto un po’ francese, un po’ rètro, un po’ vintage. È mantenere con il giusto distacco un’allure sofisticata, semplice e femminile.
Ê un insieme delicato, un equilibrio da cercare nei dettagli, un restare sopra le righe pur rimanendo rigorosamente in riga.
Ed è essenzialmente un gioco. è giocare a essere jackie kennedy, o grace kelly, brigitte bardot, o una ragazza degli anni ’50 sulla spiaggia di biarritz. è giocare a far finta di essere in una fotografia delle nostre mamme.
è giocare con unos tile senza tempo.
se vorrete giocare con noi, questa è la scaletta degli interventi, a partire, come vi accennavo, da martedì prossimo:

Caia di Trashic
Io
già da oggi troverete anche la loro presentazione di questo nostro piccolo progetto.
se fossi in voi mi farei un giro sui loro blog, oggi e prossimi martedì.
ne vedrete delle belle
😉
(intanto un piccolo ripasso sulle mie vecchie interpretazioni della mariniére)

20130121-235954.jpg

20130122-000015.jpg

20130122-000031.jpg

20130122-000044.jpg

20130122-000100.jpg

20130122-000110.jpg