Tags

Related Posts

Share This

il mistero della scarpa spaiata

pur mantenendolo verde ancora per qualche giorno, alleggerisco i toni del blog rispetto al post precedente…
 
c’era una volta….
una scarpa!
 
l’altra sera sono tornata a casa e, davanti al portone, ho visto una scarpa.
 
un mocassino marrone da uomo, nuovo, dall’aria costosa, di cuoio martellato con impunture, punta lunga e squadrata.
una bella scarpa insomma, per quanto io non ami i mocassini da uomo, moderna, nuova, di bella fatttura.
 
vedere una scarpa davanti al portone mi ha fatta sorridere e ho comunque pensato che il proprietario, quella sera stessa o al più tardi la mattina successiva, si sarebbe accorto della sua mancanza.
invece la mattina dopo la scarpa era ancora al suo posto, lo era anche ieri sera e anche questa mattina quando sono uscita di casa stava ancora lì.
 
evidentemente il suo proprietario non si è accorto di averla persa o…non sa dove potrebbe essere.
io ho perso tante cose: orecchini, penne, un paio di orologi ai quali ero molto affezionata (uno era di mia madre degli anni ’60..), sciarpe, domenticate magari in piscina o volate via dal motorino.
ma come si fa a perdere UNA scarpa?
avevo immaginato, non so, che le docce della palestra non funzionassero, allora qualche mio vicino era uscito in tuta, infilando i vestiti alla rinfusa nel borsone, le scarpe in una tasca esterna, e da quella tasca non ben chiusa la scarpa poteva essere scivolata.
oppure la scarpa poteva essere su un balcone e un gatto, un cane, un bambino, un movimento distratto, potevano averla fatta precipitare.
ma in tutti questi casi il proprietario (o qualcuno che vive con lui), uscendo, avrebbe notato la scarpa solitaria, l’avrebbe riconosciuta e recuperata.
in fondo è vero che è un mocassino, ma è un modello particolare, non comune per forma e colore.
 
e così sono alcuni giorni che sto cercando di immaginare la storia di questa scarpa solitaria.
 
potrebbe essere stata lanciata fuori dalla finestra dopo una lite.
"vattene!!! tu e le tue maledette scarpe!! tanto lo so che le hai comprate nel negozio di "quella!"
ma di solito in quei casi lei butta dalla finestra di più di una sola scarpa…e lui, cacciato di casa, almeno la scarpa l’avrebbe recuperata.
 
o magari è una moglie (o una madre) esasperata per il disordine del marito (o del figlio), che ha deciso di mettere la scarpa fuori dal portone sperando che prima o poi lui se ne accorga che in tutta quella confusione è sparita una scarpa.
evidentemente ha ragione…lui è propri un disastro se, non solo non si è accorto che gli è scomparsa una scarpa, ma non ha nemmeno notato che la sa scarpa è fuori dal portone del palazzo…
 
o ancora potrebbe essere un amante dovuto scappar via in fretta e furia
"cielo" mio marito!" grida lei sentendo la chiave girare nella toppa. l’amante si riveste in tutta fretta e scappa, lasciandosi dietro la scarpa.
lei la vede mentre il marito entra in casa e la getta dalla finestra.
ora non può recuperarla e farla sparire senza correre il rischio di essere vista e quindi, come tutti noi altri condomini, semplicemente la ignora. questo spiegherebbe perchè il proprietario non ha avuto modo di recuperarla.
 
oppure (questa è una delle mie ipotesi preferite) l’altra sera una principessa che vive nella mia scala ha dato l’immancabile gran ballo e tra gli invitati c’era un misterioso giovanotto, bellissimo, seguito da due fratellastri brutti e cattivi.
la principessa ha ballato tutta la sera con il giovanotto chiedendosi chi mai fosse e convincendosi sempre di più che, quale che fosse la sua identità, quell’uomo era il suo futuro sposo.
solo che, allo scoccare della mezzanotte, il ragazzo è scappato in tutta fretta, perdendo la scarpa sotto al portone.
questa potrebbe essere una spiegazione plausibile, se non fosse che la principessa che vive nel mio palazzo non sembra così ansiosa di ritrovare il proprietario della scarpa, dato che la sta lasciando lì da giorni.
nonostante questa soluzione mi piaccia molto, contro gioca il fatto che nessuna principessa vive nella mia scala e soprattutto nessuno ha un appartamento così grande da poterci fare un gran ballo.
 
oppure uno dei miei vicini si è macchiato di un orrido delitto, si è verificato un fatto criminoso non ancora venuto alla ribalta della cronaca.
il giovanotto dai mocassini marroni ha fatto una brutta fine (una storia di soldi, contrabbando, antichi rancori, vendette, eredità…) e l’assassino ha portato via il corpo, perdendo però una scarpa senza accorgersene.
e ora ogni volta che lui esce, la vede lì, a ricordargli il crimine commesso…e non può recuperarla senza rischiare che qualcuno lo veda e si insospettisca.
sarebbe un bell’inizio per un racconto poliziesco…
 
insomma, chissà quale mistero si cela dietro quella scarpa che, per quanto ne so, potrebbe anche essere arrivata lì…da sola, camminando….come gli stivali delle sette leghe, questo potrebbe essere il mocassino dei sette colli…
già…perchè no?