Tags

Related Posts

Share This

don’t cry for me, argentina

credo che, passate le feste, le abbuffate di cibo, tutti voi sentissero il bisogno di un altro diario di viaggio a puntate, magari di dieci puntate…o piu’..
e credo altresì che aspettaste tutti con impazienza un’altra interminabile serie di fotografie…
 
siete stati bravi e per questo sarete accontentati, resistete qualche giorno ancora e al mio ritorno vi potrò subissare di foto e racconti.
infatti sono in quasi partenza per …l’argentina!!!!
 
eh si, da bravi tangueri (qualche mala lingua si ostina a dire…tàngheri…) andiamo a immergerci nella terra del tango, nei fumi delle milongas.
abbiamo indossato le nostre scarpe da tango, io ho messo una gonna svolazzante, antonio si è impomatato i capelli e siamo pronti (piu’ o meno) a fare una rapida fuga a buenos aires, con altrettanto breve fuga nella terra del fuoco…
 
che dire, questo è per me uno dei Viaggi Della Vita, uno di quelli che ho sognato fin da piccola…e ora sono in partenza.
valigie affatto pronte, come al solito, solo una lista di carta, indecisione su che cosa portare, perchè laggiu’ fa caldo (così potremo recuperare le due settimane d’inverno passate l’estate scorsa in sudafrica), borsa a mano da valutare (perchè il viaggio dura circa…14 ore!!!)
 
insomma, tutto come al solito…con la stessa eccitazione per la partenza e quella punta di ansia che mi prende sempre prima di ogni partenza.
il desiderio di scoprire un posto diverso, la curiosità di sapere com’è, il desiderio che sia come l’ho immaginato, la paura che non lo sia…
 
vi lascio allora adesso i miei auguri per il 2008, che per me verrà qualche ora dopo (fatemi sapere come si mette l’anno nuovo)…
buon viaggio a me…
 
ci sentiamo al ritorno…