Tags

Related Posts

Share This

il ritorno

la scrivania insolitamente ordinata
il calendario con i gatti fermo alla pagina del 6 aprile
l’agenda della scrivania aperta ottimisticamente alla pagina del 16 aprile, con l’elenco delle cose ancora da fare (ero sicura che mi sarebbero bastati due giorni per rimettermi in piedi…)
il calendario dell’amica paola fermo al mese di aprile ("trovare cose importanti nella vita non significa dover rinunciare a tutte le altre")…
ho ritrovato il mio computer nero, il ragno che vive sulla mia finestra ha fatto una ragnatela ancora piu’ grande, la mia compagna di stanza ha abiti piu’ leggeri.
ci sono le mie bottigliette di acqua a riscaldarsi (temperatura ambiente), in bagno ci sono le mie cose, il mio spazzolino da denti e i miei saponi.
è tutto qui, come lo avevo lasciato.
 
 
sono tornata in ufficio in una giornata uggiosa, i tuoni in lontananza e minaccia di pioggia (ma che importa? oggi sono in macchina...) ho lasciato le mie vecchie abitudini per tornare a quelle piu’ vecchie ancora.
 
ho lasciato i gatti da soli, dopo che per tre settimane si erano abituati ad avermi per casa (e, gioia delle gioie!, a letto!!!) dalla mattina alla sera.
ho lasciato la mia casa, il mio letto, il mio mac bianco latte e i miei telefilm polizieschi preferiti.
 
ho preso la posta, ho visto che non è arrivata una cosa che invece aspettavo (cominciamo bene…), ho già ricevuto qualche telefonata, ho forse un appuntamento di lavoro per venerdì mattina…
 
ho preso il primo "macchiato cacao" (tasto n. 15) e salutato i colleghi che sembravano contenti di rivedermi in piedi, chi mi ha fatto domande, chi mi ha presa in giro, chi mi credeva in vacanza, chi forse non si è nemmeno accorto che non c’ero….
tutto torna a posto, tutto torna come prima…
 
bentornata a me!