Tags

Related Posts

Share This

chiacchiere da spogliatoio

chissà come mai  nello spogliatoio della piscina si finisce sempre a parlare di quello
complice l’ora tarda, il fatto che restiamo in poche, atmosfera piu’ intima, ma finiamo sempre a parlare di…cose da mangiare!
 
la stessa cosa non accade in palestra, dove i discorsi sono sempre piu’ diretti a trattamenti, esercizi, risultati raggiunti (sarà per questo che a me andare in palestra non piace così tanto?), smagliature e cellulite…e ragazze magre, la metà di te, con la metà dei tuoi anni che ti cinguettano sempre "beata teeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee…….come sei maaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaagra", e ti elencano loro presunti difetti, mentre tu le guardi e ti dici che se fossi come loro a quell’ora saresti a casa spaparanzata su un divano, altro che qui a faticare!!!
 
invece in piscina finiamo sempre a raccontarci ricette, consigliarci ristoranti, raccontarci gite culinarie, fare la classifica delle pizzerie/trattorie migliori, per zona, prezzo, qualità del servizio….
sembriamo delle critiche del gambero rosso….
ogni tanto, valutando se addentare o meno la saponetta profumata alla vaniglia o alla mandorla (devo smettere di portarmi saponi che sappiano vagamenti di cose che i mangiano), sbotto "ma non potremmo parlare, che ne so, di pietre? di fiori? di chimica inorganica??"
nessuno mi dà retta e si continua a parlare di cibo.
 
inizi a raccontare di un viaggio? racconti che cosa hai mangiato!
ricordi un’amica? descrivi come preparava la polenta con le spuntature…
devi rivedere una compagna di scuola? è tutto un elenco di ristoranti dove potresti portarla…
per tacere poi dei ricordi di infanzia, di come mamme/nonne/zie cucinavano questo o quello….e sorvolando sui periodi di festa, come natale o pasqua, quando si confrontano le diverse tradizioni culinarie…
 
d’accordo che il cibo è cultura, d’accordo che a tavola non si invecchia, d’accordo che mangiare non è solo una necessità, ma anche e soprattutto un piacere, ma alle nove di sera, con la prospettiva di tornare a casa e non trovare la tavola imbandita, ma gatti affamati e miagolanti da nutrire, materie prime da elaborare, borsa da disfare, beh, capirete che preferirei rimandare le chiachiere culinarie ad altri momenti…
 
la chiaccherata di ieri sera ha avuto come effetto che mi è venuta voglia di ristorante cinese e di ristorante indiano….e mi è rimasta anche stamattina….
per fortuna che fra poco si va a pranzo….a mangiare e a parlare di mangiare, naturalmente…..