Tags

Related Posts

Share This

wish you were here

la canzone che state ascoltando è…wish you were here, dei pink floyd, ma non credo ci fosse bisogno di scriverlo…
 
la prima che mi è venuta in emnte (a me e a svariati milioni di persone…a dire il vero mi aspettavo un coro di questa canzone sui blog, ma forse i blogger sono in media molto giovani…) quando ho sentito della morte di syd barrett, dedicata a lui dai suoi compagni quando ancora il suo corpo era su questa terra (era il 1975…), ma la sua mente chissà dove era finita, inseguendo pasticche e acidi…
 
questa è una di quelle canzoni da top five del proprio funerale, da top five dell’assenza in generale…
volendo potrebbe essere anche una da top five e basta…
 
iniziai ad asocaltare i pink floyd intorno al 1986 (nel 1975 avevo 4 anni, non esageriamo…)….e fu amore al primoa scolto, forse perchè si addicevano a quel momento della mia vita, i miei 15 anni, quando ancora non sei grande, non ti senti piu’ piccolo, ti senti assolutamente fuori dal mondo (qualunque mondo), alterni momenti di esaltazione a momenti di disperazione nera e profonda, quando un momento vorresti correre fra le braccia di tua madre a farti cullare e il momento dopo vorresti scappare via, lontano, perchè il mondo ti va stretto…
 
ricordo questa canzone ascoltata nel salone buio della grande casa di mia nonna, nel silenzio della campagna lomellina, nel buio che oggi non c’è piu’…ricordo l’eco della musica che si confondeva con gli echi in lontananza, ricordo dogs, il latrare dei cani del vicino che si mescolavano alle parole della canzone…
"You gotta keep one eye looking over your shoulder.
You know it’s going to get harder, and harder and harder as you get older.
And in the end you’ll pack up and fly down south,
hide your head in the sand,
just another sad old man,
all alone and dying of cancer
"
 
dedico questa canzone alla memoria di syd barrett, emblema del genio e della sregolatezza, la dedico a agli adolescenti di qualunque età che hanno voglia di scappare via, all’acqua calma e maestosa, come quella del Po l’estate, ma che quando è piena può distruggere tutto…la dedico alla voglia di fuggire, verso dove non si sa…la dedico a chi ha creduto di scappare e si è ritrovato al punto di partenza…a chi si è fermato in tempo prima del burrone e a chi nel burrone c’è caduto dentro.
 
la dedico a chi non c’è piu’ e vorremmo invece qui…a chi se ne è andato con il corpo, perchè il nostro ricordo  lo riporti sempre indietro.
 
wish you were here…
 
buon ascolto
 
 
 
"so, so you think you can tell heaven from hell
blue skies from pain
can you tell a green field from a cold steel rail? a smile from a veil?
do you think you can tell?
 
and did they get you trade your heroes for ghosts?
hot ashes for trees? hot air for a cold breeze?
cold comfort for change? and did you exchange
a walk on the part in the war for a lead role in a cage?
 
how I wish, how I wish you were here
we’re just two lost souls swimming in a fish bowl
year after year,
running over the same old ground. What have we found?
the same old fears
wish you were here"