Tags

Related Posts

Share This

500 a 230.000

…indubbiamente un punteggio magro….
così magro che non vale titoli di testa nei giornali online, non vale dossier, se non con rimandi al passato…
non vale una posione superiore alle notizie su calciopoli (personalmente detesto tutte le vicende che i giornali fanno finire con il suffissio -poli.…)
 
di che cosa sto parlando? avete ragione, non è chiaro….
 
 
al momento il bilancio è di 500 morti, forse….pochi turisti occidentali, il che significa che questa parte di mondo non si commuoverà, non manderà sms di solidarietà, non guarderà i notiziari e non comprerà i giornali (li comprerà, ma per altri motivi)…
 
nel 2004 quasi tutti avevamo un ricordo/aneddoto legato a quei posti…
alcuni c’erano stati o programmavano di andarci in vacanza, oppure un amico/parente/collega che era lì o c’era stato o ci stava per andare [un mio collega fu tra le prime vittime italiane accertate, con la moglie e il figlio di meno di 10 anni….]…quella era una meta da viaggio di nozze (cancellati anche quelli programmati per l’anno successivo….)
 
non vedremo interviste a europei in lacrime turbati nel godimento delle loro meritate vacanze, non ci saranno vicende strappalacrime di biondi bambini scomparsi…
eppure 500 persone sono tante, eppure ora ci sono persone che piangono, che cercano i loro parenti dispersi, che guardano con sconforto alle macerie delle loro case, pardon…capanne…
 
ma nessun grande albergo è pieno di detriti…nessuno correrà a ricostruire quello che è stato distrutto…
 
cose del genere accadono ogni giorno, per carità, quello che sto scrivendo è da prima pagina del Bollettino del Banale…
 
e quello che scrivo, comodamente seduta alla mia scrivania, non serve assolutamente a nulla…
 
intanto la terra laggiu’ continua  tremare, come se ci volesse avvertire di qualche cosa…come se ci stesse dicendo qualche cosa….
riusciamo a sentirla? riusciamo a sentire il pianto di chi soffre veramente, mentre ci lamentiamo del nostro nulla, mentre confondiamo il dolore con i capricci e con i fastidi…
e titoliamo "il dramma di…" la notizia di un’attrice che ha visto trasformarsi in un calvario un piccolo intervento estetico
 
mah….