Tags

Related Posts

Share This

tutti giu' dal pero!!

"beata te che credi in dio" mi ha detto un amico non credente.
 
 
"già, perchè non devi fare i conti solo con la tua coscienza, che ti assolve sempre, ma anche con qualcuno…diverso da te….che vede le tua azioni dal di fuori e che magari ti perdona pure, come dici tu, e in ogni caso, ma comunque ti giudica e sa se davvero avevi ragioni valide per il tuo comportamento….io invece i conti li faccio con me stesso e finisce sempre che mi trovo una giustificazione per ogni azione…anche quando faccio male…"
 
il mio amico mi ha lasciata senza parole.
al di là del credere o non credere in Dio, è vero che noi, soli con noi stessi, tendiamo a giustificarci troppo?
tendiamo sempre a dire che ogni nostra azione alla fine era giusta?
 
insomma, lasciati soli con noi stessi, a dover giudicare noi stessi, perdiamo ogni obiettività…e qualunque nostra azione era giustificata da qualche interesse superiore….
 
ci sto ripensando in questi giorni, mentre il mondo scopre l’acqua calda e vi affoga la propri innocenza e i propri sogni…mentre il mondo cade giu’ dal pero e scopre un calcio malato e lo sport guidato da interessi economici e non agonistici.
ho per anni e anni seguito il calcio, finchè non ha cominciato a somigliare troppo al mio lavoro: contare i soldi (a me devono anche tornare i conti, ma questo è un mio problema )…così mi sono disamorata…
 
in questi giorni, forse complice la luce della primavera, tutti hanno spalancato gli occhi..giornalisti, addetti ai lavori, tifosi e semplici cittadini.
ora tutti – candidi come gigli e puri come colombe – spalancano gli occhioni dal fondo nero e torbido e urlano allo scandalo, allo schifo!
tutti si spostano e puntano il dito.
"la colpa è laggiu’!! ecco laggiu’ il male del mondo!!!" felici che lo sguardo del mondo si sia volto in quella direzione
 
ma pensiamo davvero che quello che è saltato fuori sia un’anomalia? pensiamo davvero che non accada la stessa cose in altri ambienti???

pensiamo davvero che da altre parti non ci siano i potenti, gli arroganti, i bugiardi, gli imbroglioni?
o semplicemente tiriamo un sospiro di sollievo perchè non è toccato a noi?
 
e allora è il calcio a essere malato o lo è in generale la società?
è il calcio che ha perso valori o si muove in contesto che non ne ha?
sappiamo di che cosa stiamo parlando quando ci riempiamo la bocca con innocenza rubata e sogni infranti?
 
forse ha ragione il mio amico…i conti con la propria coscienza finiscono per tornare sempre…quelli che facciamo con gli altri no….
 
cerchiamo di ricordarcelo quando qualcuno ci rimprovera e ci dice "questo è sbagliato!"…magari vuol dirci che gli importa di noi, mentre chi dice sempre e solo "bene, bravo, 7+" lo fa solo per adularci e servirsi di noi, alla peggio. nella migliore delle ipotesi non gliene importa nulla…
 
chissà….