Tags

Related Posts

Share This

la valigia dell'attore

"abbiam lasciato soltanto un momento
la nostra valigia di là
nel camerino già vecchio
tra un lavandino ed un secchio"
[Francesco De Gregori – La valigia dell’attore]
 
 
nel blog di un’amica si sta parlando di borse, non tanto dell’oggetto esteriore, quanto del loro contenuto, del loro essere una sorta di surrogato portatile della casa…
un piccolo guscio dal quale tirare fuori ogni tanto qualcosa di se’, qualche oggetto transizionale…
e l’argomento mi fa venire in mente, per associazione di idee, un altro tipo di casa spesso su ruote: la valigia.
 
mi piace viaggiare, ma non mi piace affatto fare le valigie e vorrei tanto qualcuno che le fa per me, mettendoci quello che io voglio portare e che mi serve, anche nemmeno io so che cosa sia… un perfetto maggiordomo che esiste solo nei film e nei libri inglesi…
 
per ovviare allo stress da valigia, qualche giorno prima di partire inizio a fare una valigia virtuale, ossia un elenco delle cose che mi vorrei portare…
quanti e quali pantaloni, scarpe, magliette, golfini eccetera…cosi’ faccio prima a preparare la valigia…
tengo la lista sempre a portata di mano e quando mi viene in mente qualcosa lo scrivo.
 
questa attività preparatoria dovrebbe semplificarmi la vita e invece?
invece arrivata al dunque mi chiedo: e se fa freddo? e sa fa caldo? e se piove? e se ho bisogno di qualcosa di elegante? e se mi perdono questa cosa alla quale sono cosi’ affezionata??
cosi’ aggiungo qualche altra cosa…piccola piccola..
ecco, ho finito! indietreggio di qualche passo e guardo la valigia, che a questo punto è naturalmente troppo piena…
 
ricomincio da capo, elimino le cose simili, cerco di portare pochi colori, in modo da poter scambiare i vestiti tra loro e in questo modo, ça va sans dire, la mia lista originaria viene completamente stravolta.
 
per questo mi piace moltissimo partire in moto…
il bagaglio è inderogabilmente limitatissimo, quindi i vestiti sono, come diceva mia madre, uno addosso e uno al fosso, ossia uno si porta e l’altro serve da ricambio quando si deve fare il bucato…bellissimo! (pero’ riesco sempre a infilarci anche la versione e se ho bisogno di un abito elegante? abitudine che presi da quando una volta, fuori casa per lavoro, fui invitata a una cena molto vippettona e non avevo NULLA, cosi’ corsi a comprare un vestito infilandomi sotto un negozio che stava per chiudere…e il mio capo si stupi’ moltissimo la sera…"ma tu viaggi sempre con un abito da sera???" …"certo!"… )
 
e voi? come preparate la valigia?? avete consigli da darmi?
l’estate si avvicina….