Tags

Related Posts

Share This

le regole dell'attrazione

non avrete mica creduto che vi avrei lasciati qualche giorno senza un sugoso argomento di riflessione….
eccolo qua!
 
santo cielo!
questa proprio non la sapevo…
le regole del flirt cambiano da citta’ a citta’…e attenzione a sbagliarsi…potrebbe risultare a dir poco imbarazzante
 
allora, tra roma e milano cambiano le regole dell’alltrazione, della frequentazione fra persone, le regole del corteggiamento e del relazionarsi…
 
a roma si flirta facilmente, ma senza impegno, mentra a milano se lo si fa lo si fa con uno scopo (facile ironia dell’indolenza romana contro la puntualita’ milanese, anche sulle faccende personali…)
a milano, nonostante ci siano piu’ locali, occasioni per uscire, ricambio di persone, si flirta con un preciso scopo, non tanto per fare, mentre a roma lo si fa per sport, anche se non si ha intenzione di intavolare relazioni serie o meno serie, spesso chi lo fa ha gia una relazione stabile e nessuna intenzione di instaurarne un’altra…
 
quindi attenzione…se a roma qualcuno vi avvicina, non ha intenzioni particolari, probabilmente vuole semplicemente passare il tempo, mettersi alla prova, o sta facendo pesca a strascico…e se gli date corda vuol dire che siete nella stessa situazione, non che cercate qualcosa…
a milano chi vi punta ha puntato proprio voi, almeno per quella sera, e dargli corda significa che siete interessati
(e questo accadrebbe indipendentemente dall’origine geografica del vostro interlocutore….dipenderebbe semplicemente dalla citta’ nella quale vi trovate)
 
un po’ forse e’ vero…capita spesso nei locali a roma di essere avvicinati da qualcuno, scambiarci qualche parola, ma quando quello capisce che avete altro per la testa si allontana discretamente e dopo un minuto lo vedete parlare delle stesse cose con la vostra amica o con qualche altra persona…
chi ti punta a milano invece, se gli dai corda, ti richiama, ti cerca, finche’ non dici chiaramente "non grazie!"
 
forse perche’ ogni romano si sente un po’ imperatore per nascita, quindi graziosamente concede il suo tempo a qualche privilegiato…che sid eve sentire lusingato, ma non per questo deve pensare che l’imperatore scendera’ al suo livello…
 
e’ anche vero che a milano c’e’ gente da ogni parte d’italia e del mondo che fatica sulle prime a sentirsi a casa, che si trova sradicata dalle sue amicizie, mentre a roma chiunque arrivi per prima cosa ritrova sicuramente amici e gente che conosce (venisse pure dal piu’ piccolo paese in cima alla piu’ alta montagna) e si sente immediatamente romano, corre a cercarsi una casa a trastevere e un’osteria e alla domanda "di dove sei" risponde subito "roma!"…roma e’ una citta’ assorbente che difficilmente ti fa andare via)…
 
allora riassumendo…

milanesi a roma, se venite avvicinati da qualcuno, non fatevi illusioni…probabilmente sta solo passando il tempo…e non stupitevi se, dato il vostro numero di telefono, quello non vi richiamera’ piu’….o magari vi mandera’ sms e mail, ma non andra’ molto avanti

romani a milano, se qualcuno vi avvicina non gli date troppo spago se non vi interessa…potreste fargli perdere tempo prezioso che potrebbe spendere con qualcuno dalle intenzioni piu’ serie. e non stupitevi se, dato il vostro numero, quello vi richiamera’ a oltranza.
 
sara’….
 
o magari sara’ anche colpa del clima, a milano i locali sono belli, ma fa piu’ freddo…potendo si preferisce stare a casa con qualcuno piuttosto che uscire continuamente per cercare compagnia, mentre a roma è piacevole anche una passeggaita senza scopo per il centro….
 
santo cielo….diventa tutto cosi’ complicato….ora quando si parla con qualcuno non solo si deve cercare di capire che tipo è, ma anche far mente locale sulle regole del flirt della citta’ nella quale ci si trova….
 
non ci sono ancora regole di quartiere, vero?
 
….
 
o si??