Tags

Related Posts

Share This

lavoro lavoro e lavoro

ancora due giorni e poi si va in vacanza.
quest’anno come non mai non vedo l’ora , per qualche motivo ci sono arrivata piu’ stanca degli altri anni.
 
non ho nemmeno avuto il tempo di fare la mia "valigia di carta".
la valigia di carta e’ un rito tranquillizzatore…prendo un foglietto e mi scrivo tutte le cose che mettero’ in valigia, divise per categorie "pantaloni", "gonne", "magliette", "eleganti", "scarpe", "altro"…cosi’ al momento di far la valigia vadoa colpo sicuro, prendo quello che ho deciso e non passo le ore davanti all’armadio aperto decidendo che cosa portare.
fare la valigia di carta e’ un po’ come essere gia’ saliti sull’aereo.
 
in realta’ detesto fare le valigie, vorrei che qualcuno le facesse per me, ma mettendoci dentro quello che voglio io, anche se non so quello che voglio…
 
insomma, odio fare le valigie…
 
e poi detesto la settimana prima delle vacanze in ufficio, dove tutti devono far tutto come se per due settimane che si sta a casa si dovesse preparare l’apocalisse, quindi nulla deve rimanere in sospeso, anzi, molte cose vanno anche cominciate.
dove quelli che ti servono sono gia’ in vacanza e non li puoi raggiungere e quelli che non ti servono ti creano solo cose nuove da fare…
 
insomma, sara’ quest’ultima settimana che mi ha distrutta fisicamente e moralmente cosi’ tanto da dovermi far sentire che ho decisamente bisogno di una vacanza?