Tags

Related Posts

Share This

IV puntata – La grande muraglia

IV puntata
 
La Grande Muraglia
 
I Mongoli sono arrivati! La Muraglia non è servita a fermarli, anzi ci passeggiano indisturbati in su e in giù.
Hanno divise colorate, sono sudati e accaldati e armati di pericolose armi che catturano le immagini di ogni pietra, di ogni mattone, di ogni lastra che compone il baluardo.
Le guardie non sono riusciti a fermali. CI provano vendendo loro souvenir, cartoline, buddha panciuti che se la ridono allegri, ma il nemico non si ferma, alcuni rallentano, ma poi riprendono la marcia inarrestabile…
 
La Muraglia lunga 5000 chilometri (10.000 "lì", in unità di misura cinesi) non ha resistito all’attacco, che anzi sembra spesso portato proprio dall’interno.
Plotoni di cinesi hanno attaccato dall’interno, mentre spagnoli, italiani, nordamericani e nord europei generici si sono calati dall’alto, per poi correre verso quello che doveva essere un irresistibile bastione, un baluardo inespugnabile.
 
La Muraglia si snoda lungo la montagna, ripida e scoscesa, segnuendone il profilo e orlandolo di merli, come un grande drago.
 
Noi invasori non resistiamo alla tentazione di cavalcare il drago, di arrampicarci fra le sue spire per quanto il caldo e il dislivello ce lo consentano.
Il drago sembra addormentato sornione sotto il sole, ma se si svegliasse potrebbe spazzarci via tutti in un attimo e sparpagliarci per le montagne della Cina.
 
Continuiamo la nostra passeggiata lungo la sua schiena con questa consapevolezza, sperando solo di non essere lì quando il drago si sveglierà.